turismo-responsabile.it

Turismo Responsabile e Sostenibile – Informazioni, news, viaggi

Sei qui: Home » Come rimettersi in forma prima di partire per le vacanze

Come rimettersi in forma prima di partire per le vacanze

Volete recuperare la forma perduta durante i mesi invernali prima di partire per il mare? In questo articolo vi parliamo delle basi per dimagrire e rimettersi in forma, dandovi anche dei piccoli consigli per aiutarvi nel percorso.

Seguire un’alimentazione sana

Mangiare in maniera corretta è alla base della remise en forme estiva, ma ci aiuterà anche a sentirci più leggeri, attivi e meglio con noi stessi.

Un errore che fanno in molti è eliminare i carboidrati e i dolci, ma non sanno che i primi sono un macronutriente essenziale per il corpo umano, come le proteine, i grassi buoni e le fibre, mentre i secondi possono essere consumati ogni tanto. Per dimagrire o migliorare la nostra forma fisica, vi consigliamo di rivolgervi sempre al vostro medico di base o ad uno specialista che saprà scegliere l’alimentazione corretta per voi, in base a diversi fattori come la percentuale di massa magra e massa grassa nel corpo.

Bere tanta acqua

Lo sentiamo dire da sempre, bere tanto è importante per la nostra salute. Infatti, bere la giusta quantità di acqua ogni giorno è necessario per idratare correttamente il nostro organismo e permettergli di svolgere le normali funzioni fisiologiche.

Oltre ad essere importante a livello salutare, bere tanta acqua è anche un aiuto nella nostra dieta: ci consente di purificarci e aiuta anche a raggiungere quel senso di sazietà che magari facciamo fatica a sentire, se ad esempio siamo abituati a mangiare molto (troppo per il nostro fabbisogno energetico) e abbiamo iniziato a seguire la dieta del medico o del nutrizionista. Per quanto riguarda gli adulti, la corretta quantità d’acqua da bere al giorno si aggira tra i 1,8L e i 2L, ma se si pratica attività sportiva si dovranno reintegrare anche i liquidi persi.

Attenzione, non vale bere mille succhi pieni di zuccheri o bevande gassate per raggiungere i 2L al giorno.

Fare attività fisica

Essenziale da abbinare ad una dieta corretta è la tanto temuta attività fisica. Tranquilli, non stiamo parlando di allenarsi due ore al giorno tre volte alla settimana, ma semplicemente di fare un po’ di movimento. Per coloro che sono già normopeso e devono solo riprendere il ritmo si può parlare di vero e proprio sport o di corsa ad obiettivi, mentre chi è in sovrappeso o non fa attività fisica da anni potrà partire dalle camminate a passo veloce.

Partire a mille e mollare dopo qualche giorno è decisamente controproduttivo. Molto meglio iniziare con mezz’ora di camminata al giorno per aumentare la durata e la velocità piano piano, una settimana dopo l’altra. In questi casi è fondamentale ascoltare il proprio corpo: dopo una settimana di camminata ad una certa velocità non avete più il fiatone? Allora aumentate un po’ il passo e camminate dieci minuti in più, fino ad arrivare alla corsetta.

Costanza e forza di volontà, come per la dieta, sono due fattori fondamentali nello sport.

Piccoli trucchi che aiutano

Oltre ai 3 grandi consigli che valgono per tutti da seguire, ci sono altri piccoli trucchi che ci aiutano a dimagrire più in fretta, potenziando gli effetti della dieta e dello sport che facciamo. Nelle prossime righe scopriamo insieme quali sono per trovare il più adatto a noi, anche se possono essere tutti quanti un aiuto non indifferente:

  • Prendere degli integratori: sceglierne uno che aiuti a drenare i liquidi, regolarizzare l’intestino e velocizzare il metabolismo come fa Supremo Slim 5 può fare davvero la differenza in una dieta ipocalorica come quella che stiamo seguendo;
  • Trattamenti estetici: sebbene molti pensino che sono inutili e inventati solo per vendere, alcuni trattamenti estetici possono essere davvero utili per ridurre inestetismi della pelle come la buccia d’arancia o la cellulite, ma anche per bruciare i grassi (detto in parole povere);
  • Ridurre lo stress: può sembrare banale, ma lo stress porta ad ingrassare. Non solo perché alcune persone tendono a mangiare troppo e male quando sono preoccupate o nervose, ma si tratta proprio di una reazione dell’organismo allo stress duraturo.

isan.hydi

Torna in alto